I nostri corsi: 2) Corso fune di vincolo con paracadute ad ala

    E' il classico approccio al paracadutismo. Questo metodo è maturato nell'arco degli ultimi 40 anni, dalle sue origini militari, in un metodo di insegnamento del paracadutismo sportivo di successo. L'allievo frequenta delle lezioni (circa 10) a terra e poi viene portato a 1200 metri di altezza per il primo lancio. Il primo lancio consiste in una uscita dal portello di un aereo. Mentre il paracadutista si allontana in caduta dall'aereo, il paracadute principale viene estratto e conseguentemente aperto da una fune di vincolo collegata all'aereo. Si è in caduta libera per due, tre secondi prima che il paracadute, a profilo alare, si dispieghi totalmente. Durante la discesa col paracadute si è assistiti da terra mediante l'utilizzo di una radio ricevente, per un atterraggio morbido e sicuro. Dopo circa 2 lanci effettuati con una corretta posizione di uscita, il paracadutista, se lo vorrà, sarà addestrato a tirare autonomamente la maniglia di apertura (lancio a caduta libera). Nei successivi lanci il paracadutista dovrà dimostrare di essere in grado di azionare una "falsa" maniglia di apertura prima che la fune di vincolo rilasci il paracadute.

 

    Dopo ciò, il paracadutista potrà procedere al primo vero lancio in caduta libera. La prima caduta libera è un "esci e tira", in cui il paracadutista comincia la sequenza di apertura non appena fuori dall'aereo. Nei successivi lanci proverà, a ritardare il momento dell'apertura, di qualche manciata di secondi, incrementando via via la durata della caduta libera, fino ad arrivare alla totale caduta libera dalla quota di lancio (circa 4.000 metri) fino alla quota di apertura (circa 1000 metri).

    Per ulteriori informazioni contattare:
    David Foglia
    tel. +39-3408247955 (presidente sezione)
    E-Mail: david.foglia @ alice.it